sabato 12 marzo 2016

Polpette o mondeghili in forma, al forno

A Milano i mondeghili sono le polpette di lesso avanzato.
Il mio lesso avanzato era composto da pezzi di cappello del prete, lingua e testina.
Un mix che ha reso il trito morbidissimo, anche se ho aggiunto un po' di pane bagnato nel latte e delle patate lesse.
Un sistema come un altro per fare un ottimo recupero e dare una nuova vita e una nuova veste al classico modo di preparare il polpettone di carne, un secondo piatto sostanzioso e completo.
Per non appensantire le polpette, non le ho né infarinate né impanate, ma composte dentro stampi grandi da muffins e poi spolverate di gruyère grattugiato.
La carne era già tutta cotta perciò, dopo aver messo un pezzetto di burro in cima, ho messo lo stampo in forno sino a che non si sono compattati tanto da riuscire a sformarli senza difficoltà.
La lingua e la testina hanno contribuito a rendere morbidissimi questa versione strana di polpettoni.
Conservate la ricetta per quando avrete un'eccedenza di carni bollite.
Buona giornata a tutti i gourmand che mi seguono, non riesco a tenere il conto ma mi sembra ce ne siano alcuni di nuovi. Benvenuti! Qui splende un sole meraviglioso, ma se ci si ferma all'ombra le temperature rimangono fredde.
Dosi per 6

-ricetta-
carne mista avanzata di bollito, almeno 400 g
2 piccoli panini bagnati nel latte
1 patata grande lessata
40 g gruyère grattugiato
25 g burro
noce moscata
pepe, sale

Passo nel cutter la carne col pane umido e la patata schiacciata con la forchetta.
Cerco di evitare di rendere tutto una poltiglia azionandolo a intermittenza.
Condisco il composto con noce moscata grattugiata, un po' di pepe e il sale che serve.
Se fosse troppo duro, magari avete poca lingua o testina, usate un uovo per ammorbidire.
Imburro i sei spazi di uno stampo da grandi muffins, oppure uso quelli singoli di alluminio per i crème caramel, formo con le mani inumidite delle palle grandi e le modello negli spazi.
Sopra spargo il formaggio grattugiato e al centro metto una nocciolina di burro.
Faccio cuocere nel forno già portato a 180° per circa 20', o comunque sino a che diventano croccanti in superficie e si possono sformare facilmente.
Dato il genere opterei per una fresca insalata mista, magari con arance e finocchi. Oppure degli asparagi arrostiti sulla griglia.

2 commenti:

Maristella Maltinti ha detto...

Ottimo suggerito:-) buona domenica

Jo ha detto...

Siccome detesto sprecare, mi organizzo a recuperare quasi di tutto.
Spero che anche tu abbia trascorso una buona domenica. ciao, Maristella.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...