martedì 8 marzo 2016

Roselline di lasagna, vellutata ai funghi e prosciutto cotto

Un bel piatto dedicato a tutte le donne. Tante rose edibili.
Quante volte mi capita di dover accontentare coloro che si siedono alla nostra tavola, assecondando gusti ed esigenze tra i più diversi. C'è chi non mangia pesce, chi non gradisce i formaggi, chi preferisce solo alcune cose. E mi adeguo come posso.
Queste lasagne, confezionate in una veste elegante per festeggiare il compleanno di una signora che ha varcato la soglia dei sessanta sono nate proprio così. Niente formaggi, verdure limitatissime, salumi consentiti.
L'unica verdura concessami erano i funghi, ovviamente non freschi ma secchi vista la stagione, provenienti da raccolte di amici appassionati fungiatt. Avevo a disposizione del brodo di carne con il quale ho allungato la besciamella per fare la vellutata e ho dato una nota di sapore in più con il prosciutto cotto.
Si fa quel che si può e cerco di farlo al meglio. L'importante è riuscire nell'intento di accontentare e soddisfare tutti.
La soluzione è stata vincente, saporita e intensa, meritatamente accompagnata da un Kerner dell'Alto Adige di Köfererhof in versione magnum. Quanto mi piacciono le magnum, formato ideale per dodici commensali amanti del vino, a tavola. Avete mai visto le 'alsaziane' (le bottiglie dal collo lungo tipiche della regione francese che si usano anche qui da noi per i vini bianchi) in versione magnum? Sono uno spettacolo. Foto? Missing, come spesso mi succede!
Anyway... torno alle lasagne. Abitualmente uso sfoglie pronte di pasta fresca ultra sottili, quelle del Giovanni 'batrace' più famoso, per intenderci. Calcolatene una e mezza a testa, ossia per 3 rose a persona. Una confezione da 250 g ne contiene 12 e bastano giusto per 8 persone, senza avanzi (anche se si potrebbero recuperare per una minestra con straccetti).
Dosi per 8

-ricetta-
250 g sfoglie di pasta per lasagne fresche
200 g prosciutto cotto a fette sottili
50 g funghi secchi, porcini
25 g burro
20 g farina
250 ml latte
250 ml brodo
150 g panna
1 spicchio di aglio
30 g burro
sale
Per prima cosa metto a bagno i funghi in acqua tiepida. Dopo 10' cambio l'acqua, sostituendola con altra leggermente più calda, sollevando i funghi con un passino per non raccattare sporco e terra.
Lascio ancora a bagno per 30'.
In una padella scaldo 30 g burro e ci rosolo lo spicchio di aglio vestito, poi verso i funghi scolati e li lascio soffriggere per alcuni minuti prima di aggiungere una parte dell'ultima acqua di ammollo, ben filtrata, salo poco e proseguo la cottura finché sono teneri, aggiungendo altra acqua di ammollo se vedo che asciugano troppo.
Spengo e lascio intiepidire, poi verso nel bicchiere della frusta a immersione e frullo fino a ottenere una crema finissima, un concentrato di porcini secchi.
Preparo la salsa vellutata scaldando l'altra parte di burro, metto la farina e la faccio tostare, poi bagno col latte e col brodo mescolando per non fare grumi. Porto a ebollizione e mescolando faccio sobbollire per 10'. Salo solo alla fine, se occorre.
Trito finemente metà delle fette di cotto versandole nella vellutata assieme al passato di funghi.
Stendo la pasta, che ho passato per pochi secondi in acqua salata bollente addizionata di un cucchiaio d'olio e scolato su un panno pulito.
La divido in due nel senso della lunghezza, la spalmo di vellutata e poi metto una strisciolina di prosciutto (da ogni fetta ne ricavo 4). Guardate la foto per capire.
Ripiego a metà la striscia di pasta e arrotolo la stringa formando la rosellina, che appoggio in una pirofila rivestita di cartaforno.
Allineo tutte le rose, poi le bagno con la panna liquida e le metto nel forno caldo, a 180°, per circa 20'. Se non ci sono intolleranti al formaggio posso spolverare con un po' di grana/parmigiano grattugiato.
Lascio riposare 5', sformo la teglia e ne metto tre, nei piatti, per ogni porzione.



2 commenti:

Grace H ha detto...

Ciao,
che bella la tua lasagna di rose!! Idea originale...
Buon 8 Marzo cara......!!

Jo ha detto...

Grazie a te per gli auguri, Grace.
L'importante è che oltre che belle siano buone.
Buona giornata!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...