martedì 11 settembre 2012

Fesa di tacchino agli aromi cotta con la birra


Buongiorno a tutti.
Come avrete capito mi trovo all'isola d'Elba dove non ho un forno a disposizione e devo cucinare piatti semplici e veloci.
Non che questo sia complicato, l'ho cucinato di recente a casa fotografandolo e oggi, in attesa di produrre qualcosa di interessante qui, ve lo propongo come ottima soluzione per un secondo leggero e per nulla complicato.
Una cosa simile da cui ho ripreso l'idea, anche se non ho voluto chiedere la ricetta alla cuoca, l'ho gustata in Friuli, alla trattoria Sgubin. Mi era piaciuta molto e così ho cercato di replicarla, avrò certamente omesso qualcosa, ma sono comunque soddisfatta del risultato.
La fesa di tacchino è una carne versatile che però sono abituata a cucinare a cotoletta perchè trovo sia uno dei pochi modi in cui non si asciuga troppo.
Cotta così però e poi affettata a macchina molto sottile risulta gradevole ed è ottima per un secondo estivo, validissima nonchè più economica alternativa al magatello di vitello, per esempio.
E la resa è abbondante.
Usate tutte le erbe aromatiche fresche che trovate o che avete nell'erbario e bagnate in cottura con una birra a forte gradazione.
Per condirla una salsa a base di maionese e succo di agrumi misti, lime, pompelmo, arancia.
Dosi per 6

-ricetta-
800 g fesa di tacchino a pezzo intero
circa 300 ml birra sugli 8°
salvia, origano, timo, rosmarino, alloro, maggiorana
fleur de sel
olio evo

maionese:
2 uova
olio di semi di arachidi
succo di limone
sale

Ripulisco il pezzo di fesa da eventuali tendini o nervature e la lego con qualche giro di spago formando un rotolo compatto, che mi agevolerà quando dovrò affettarla.
Preparo un trito grossolano con tutte le erbe aromatiche e lo mescolo a un pizzicone di fleur de sel, con questo massaggio il pezzo di carne che poi appoggio dentro una pirofila e che irroro con un filino di olio.

Scaldo il forno a 200°, metto a cuocere la carne girandola dopo 10' per farla rosolare quindi inizio a bagnare con la birra e contemporaneamente abbasso la temperatura portandola a 160°.
Continuo la cottura ancora per un'ora circa poi spengo e avvolgo la carne in un foglio di alluminio e la lascio raffreddare.
Posso cucinarla anche con un giorno di anticipo.
Col minipimer preparo la maionese, ci vuole realmente un attimo, e quindi faccio la salsina emulsionando la maionese (se fatta in casa rimane più compatta perchè posso dosare l'olio aggiungendone un filino in più) con il succo di mezzo per ciascuno di lime, pompelmo rosa e arancia.
Affetto la carne con l'affettatrice, la dispongo in un piatto e la porto in tavola con la salsa.

2 commenti:

Michela ha detto...

davvero invitante questo piatto, mi segno la ricetta! adesso che arriva l'autunno mi sembra perfetto da proporre per un pranzo in famiglia ;)

I fiori di loto ha detto...

che bontà.. da provare sicuramente!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...