venerdì 16 novembre 2012

Rana pescatrice al curry con fagioli vellutina

Salute a tutti gli amici!
Ho notato solo ora che mi segue anche uno chef da San Marino, benvenuto!
Questo piatto è di facile e veloce esecuzione, cottura dei fagioli a parte che peraltro si può fare il giorno prima o i più pigri possono avvalersi di legumi cotti in scatola.
Le ultime direttive salutistiche dicono che bisognerebbe mangiare legumi almeno 4 volte a settimana, aiutano infatti a regolare i livelli plasmatici di glicemia e colesterolo.
Saprete ormai che io coi legumi sono fissatella, vado a caccia dei più strani, dei meno comuni e soprattutto italiani e avevo deisiderio di cuocere i vellutina, fagioli siciliani coltivati nel ragusano, di colore rosso scuro e con la buccia morbidissima, una volta cotti.
In questi giorni penso molto a Mara la mia amica di Vittoria che non sento quanto vorrei, so che è in ambasce per la salute degli anziani genitori. Le mando un abbraccio da qui.
Pensando a lei mi ricollego a tutti gli ottimi prodotti della sua terra, tra cui questi splendidi fagioli che fanno da ottimo companatico al saporito pesce.
Ci vuole infatti una parte cremosa e neutra per compensare l'aroma spiccato del curry.
Cercate se le trovate le parti apicali del pesce, dovendo cuocere uno spezzatino non occorre il filetto centrale, molto carnoso e caro all'inverosimile, ormai sfiora i 40 € al chilo!
Magari per le parti affusolate della coda spuntate un prezzo migliore e non ci sono gli scarti dell'osso centrale perchè, come sapete, la coda di rospo non ha lische. E ha un sapore deciso che regge molto bene una salsina al curry, quello che ho scelto, tra i vari che ho in dispensa, è mediamente piccante.
Non ne occorre nemmeno troppa in peso, direi che 300 g sono sufficienti per quattro persone, più 8 code di mazzancolle, pulite.
Dosi per 4

-ricetta-
300 g fagioli vellutina, secchi
300 g rana pescatrice
8 mazzancolle
1 cucchiaino di curry
1 cucchiaino di sambal
2 cipollotti piccoli
100 ml vino bianco
olio evo
fecola

Metto a bagno i fagioli e dopo 8/10 ore di riposo li sciacquo e li lesso in acqua aromatizzata da uno scalogno.
Li scolo e li tengo da parte. Tutto ciò posso farlo con un giorno di anticipo.
Preparo la pescatrice a bocconcini e privo di testa e guscio le mazzancolle. Se il pesce è fresco, come nel mio caso, gli faccio fare un passaggio di un giorno in congelatore per scongiurare qualsiasi parassitosi possibile.
Scaldo un velo d'olio nella padella e rosolo piano i cipollotti a fettine, compresa la parte verde, quando sono appassiti metto i bocconcini di pesce appena spolverati di fecola, aggiungo il peperoncino in pasta e il curry, sfumo con il vino bianco e quand'è evaporata la parte alcoolica copro e lascio stufare il pesce per 5', quindi aggiungo le mazzancolle che faccio appena scottare. In pratica quando cominciano ad arrossarsi sono già pronte, ben croccanti e carnose.
La fecola e il vino contribuiranno a creare una deliziosa crema che rivestirà i bocconi, con la quale non si resiste a fare scarpetta.
Intiepidisco i fagioli, anche nel microonde, e li condisco con olio e sale, quindi li porto in tavola con lo spezzatino di pesce.


6 commenti:

Mammalorita ha detto...

adoro la rana pescatrice..qui giù da noi è abbastanza difficile trovarla...quando sono stata a venezia la mangiavo tutti i giorni in ogni ristorante provavo un modo diverso di prepararla questa tua preparazione è super!!!brava...un saluto e una carezza alla tua assistente in cucina che vedo fa quello che fa il mio nerino si crogiola al sole....

Jo ha detto...

Ciao Mammalorita, buon venerdì a te!
grazie per i complimenti...ma davvero non la trovi, nemmeno surgelata? che peccato!
Qui da noi si può acquistare sempre.
Le assistenti in cucina sono diventate due, non ho ancora avuto modo di postare la foto della nuova arrivata, randagina di neanche un mese salvata all'isola d'Elba tra i rovi... lei è un terremoto, mette le zampe dappertutto! devo chiudermi in cucina altrimenti mi fa ammattire.... sono abituata ad assistenti di cucina osservatori silenziosi, con lei è tutta un'altra storia.... sembra che abbia geneticamente trasmessi i geni della ladruncola di qualsiasi cibo...lei ha gusti eclettici, ruba di tutto e gioca con tutto il cibo che trova!! sono rovinata..... :D

MARISTELLA ha detto...

Ciao Jo,
da me non si trova facilmente la rana pescatrice...mi devo accontentare di altro...se la trovo provo la tua splendida ricetta...buon weekend

CoCò ha detto...

Ma se il pesce è cotto i parassiti che c'entrano? Il congelatore non serve non si tratta di epsce crudo

CoCò ha detto...

scusami forse nel commento sono stata poco carina dimenticando di dirti che la ricetta comunque mi piace moltissimo

Jo ha detto...

@CoCò
ma no, che dici? figurati, i commenti 'pensati' sono sempre bene accetti!
Ciao!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...