domenica 30 dicembre 2012

Rigatoni integrali con spianata calabra, uovo sodo e burrata


Mi ero fatta tanti buoni propositi di una dieta rigorosa e disintossicante post pranzi luculliani, intenti concepiti già durante il breve viaggio di ritorno dal pranzo di Santo Stefano mentre seguivo attenta la strada e in cuffia ascoltavo rock duro, per non irritare mio marito alla guida che non ama il genere... dopo che sono stata in mezzo a molte persone prestando orecchio a tutti ho bisogno di isolarmi brevemente per recuperare i miei pensieri.
Tuttavia le mie buone intenzioni naufragano presto e non ho fatto a tempo ad applicarle che eccomi qui, a cucinare un ricco primo piatto.
Amici, compleanni, festicciole, occasioni varie, degustazioni, spuntini, le scuse non mancano ed oggi ho voglia di un piatto robusto e saporito da servire agli amici che verranno a farci visita.
Senza eccedere, bisogna pur imparare ad accettarsi come si è e a star bene con se stessi, da anni ho sperimentato che il mio metabolismo dev'essere così lento che nemmeno il digiuno smuove qualcosa, e dato che sono contrarissima al digiuno perchè caso mai si dimagrisce mangiando, poco ma di tutto, ecco qui una pastasciutta con tutto quel che serve per farne un piatto unico, saziante, graffiante e gratificante.
Girando per Milano, passatempo rovinoso per la mia dispensa, mi sono imbattuta in uno di quei negozi dove hanno arrivi giornalieri di prodotti pugliesi e del sud, era invitabile che l'occhio mi cascasse su una bianca burrata avvolta in foglie di vizzo.
La burrata ha un cuore cremoso di panna e sfilacci di mozzarella, poi avvolto in un foglio di pasta filata,  che è dolce e burroso e starà benissimo abbinato in contrasto alla spianata piccante della Calabria, un insaccato a sezione quasi rettangolare, che si affetta come il salame. Che si dichiara piccante ma non lo è poi così tanto da infuocare le papille. Reperto riportato a casa da Salerno, dove la vicinanza regionale fa si che si trovino anche specialità calabresi nelle loro salumerie.
Tanto per aggiungere dell'altro, ho completato con qualche spicchio di uovo sodo e salsa di pomodori freschi, frullati e fatti asciugare sul fuoco, ma se non l'avete usate della buona passata fatta restringere un pochino.
La pasta è da grano biologico nel formato dei rigatoni o mezze maniche. Starò scarsa perchè il condimento è molto ricco.
Per 4 persone

-ricetta-
300 g pasta integrale
1 burrata, circa 200 g
200 g salsa di pomodoro
100 g spianata calabrese affettata
3 uova sode
un gambetto di sedano
1 scalogno
olio evo, sale, pepe


Metto a scaldare l'accqua per cuocere la pasta, la salo al bollore e lesso i rigatoni.
Intanto affetto sottile lo scalogno con il sedano e metto tutto a rosolare in un filo di olio in una larga padella, poi aggiungo la salsa, faccio scaldare bene, regolo di sale e spengo.
Privo la burrata delle foglie che la rivestono quindi la taglio a bocconi come riesco.
Dalle fette di spianata ricavo delle sottili striscioline.
Scolo la pasta al dente, la verso nella salsa e la insaporisco a fuoco vivace, poi metto la spianata prima di spegnere per poi aggiungere la burrata e una macinata di pepe.
Mescolo bene, impiatto e completo con le uova a spicchi.

1 commento:

Barbara ha detto...

Con un piatto così, è normale veder naufragare le migliori buone intenzioni!! Auguri!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...